Il solito Petit Arc

Il Grand Arc è una cima che in inverno frequento spesso: vicina, buona esposizione, salita facile, bella discesa.

Una bella meta, ma per questo è anche molto frequentata ; e se la neve di per sè è buona, si rovina in fretta per le molte persone che ci passano.

Per questo io preferisco fare il Petit Arc, una cima vicina un po’ più bassa e, forse per questo, meno frequentata; ma proprio per questo la neve è meno tracciata e la discesa non è meno bella.

Il percorso è facile, partendo dal “Relais du Lac Noir” si segue il sentiero prima nel bosco, poi all’aperto nella bella conca del Grand Arc.

Arrivati in cima a questa conca ci sono diversi possibili percorsi: si può andare a destra verso il Grand Arc oppure passare per il Lac Noir, o ancora passare a sinistra per quello che sarà il percorso di discesa.

La vista dalla vetta è spettacolare!

La discesa si fa verso destra, a meno che non si voglia fare anche il Grand Arc, e poi seguendo il percorso di salita; volendo si può saltare la parte nel bosco – non eccezionale in discesa – con una piccola deviazione: quando scendendo si arriva al torrente che scende a valle lo si attraversa, si ripella per risalire un po’ e poi si scende longo la sponda sinistra della valle.

Attenzione a tenersi verso l’alto e non scendere troppo verso il fiume: anche se i pendii sono invitanti poi si resta bloccati e tocca ripellare di nuovo.

Dopo questo tratto si attraversa un altro torrente per poi ritrovarsi su un pendio dolce e piacevolmente esposto al sole, che con neve trasformata regala una gradevolissima discesa.

Per l’ultimo tratto fino alla macchina occorre portare un po’ gli sci in spalla, ma ne vale la pena!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *